shaker

I mobili degli Shakers e le sedie Thonet

Il design è una disciplina progettuale che inizia ad affermarsi quando i prodotti non nacquero più dall’abilità degli artigiani, ma dall’affidabilità di un sistema produttivo che replica all’infinito un modello nelle sue caratteristiche formali e funzionali.
I mobili prodotti all’interno delle comunità degli Shakers sono uno dei primi esempi di questo modo di produrre e progettare. Gli Shakers sono una setta religiosa che si sviluppò negli Stati Uniti nel ‘700.
La visione utopica di una società egualitaria determinò un sistema di produzione cooperativo dove le macchine sono lo strumento per avere più tempo da dedicare alla preghiera e per produrre tutto quello che serve. I mobili, come tutto il resto, nascono nella fedele ripetizione di modelli attraverso l’uso di macchine.
Nel 1796 nasce Michael Thonet, l’industriale del settore del mobile che ebbe per primo l’idea di produrre mobili come un vero prodotto industriale.
I diversi modelli nascono dall’assemblaggio di masselli di legno torniti e piegati grazie all’elasticità ottenuta attraverso l’impiego del vapore. Nel 1853 fu fondata in Austria la società “Gerbrüder Thonet”. Il modello più famoso è la sedia 18 del 1859. Questi mobili ebbero un successo internazionale tale che fabbriche Thonet furono aperte in molte nazioni e i suoi modelli furono sempre usati dai più famosi architetti nel mondo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>